Navigare Facile

Achillea e Medicina

Erboristeria: l'Uso dell'Achillea come Pianta Medicinale

L'achillea vanta proprietÓ terapeutiche note sin dall'antichitÓ; diverse culture, infatti, europee e non, includevano l'utilizzo di questa pianta all'interno di infusi, tisane, pomate o riti magici sfruttandone le innumerevoli proprietÓ. L'achillea contiene infatti numerosi principi attivi come: flavonoidi (rutina), fosfati, sali di potassio, acido achilleico, acidi organici, mucillaggini, oliie essenziali, steroli, principi amari, sequiterpeni e tannini. Ognuno di questi principi contribuisce alle propriatÓ della pianta, tra le quali ricordiamo le proprietÓ antispasmodiche, astringente, antibatterica e cicatrizzanti.

Oggi, proprio come in passato, l'achillea viene utilizzata per arrestare le emoraggie interne o esterne e per favorire la cicatrizzazione delle ferite. Si utilizzano, a questo scopo, decotti, infusi o pomate ricavate da una fine tritura della pianta che andrÓ poi applicata su ferite o piaghe. L'achillea Ŕ anche conosciuta come potente rimedio per calmare gli spasmi uterini e per alleviare i fastidi derivanti da mestruazioni o menopausa; questa portentosa pianta Ŕ anche in grado di aiutare nel caso di mestruazioni irregolari e di attenuare la temuta ansia da manopausa.

Un ulteriore uso dell'achillea deriva dalla capacitÓ di calmare e risolvere i disturbi digestivi e di favorire le funzioni urinarie: infusi e decotti, infatti, stimolano la digestione e la diuresi, riducono l'aciditÓ di stomaco e le debolezze dell'apparato gastrico. Le proprietÓ dell'achillea, in fine, portano questa pianta ad essere stata utilizzata, e ad essere impiegata tuttora, come un potentissimo antiemorroidale.